Chi siamo - La cometa del Sud Onlus

Vai ai contenuti

Menu principale:

 
“La Cometa del Sud Onlus” nasce dall’impegno di alcuni volontari della Caritas Diocesana Salerno Campagna- Acerno, che hanno desiderato mettere in comune le tante esperienze vissute nell’affronto di situazioni di sofferenza e di disagio, costruendo progetti e strumenti per la lotta alla povertà.
Il metodo di lavoro adottato negli anni ha dimostrato che per promuovere il “Bene Comune” è necessario rimuovere le cause scatenanti del disagio, ciò è possibile attraverso la collaborazione tra i diversi attori pubblici, privati che operano nel sociale.

La Cooperativa sociale “La Cometa del Sud Onlus”, è Accoglienza, Educazione, Formazione e Lavoro.
 Lo scopo della cooperativa è di perseguire l’interesse generale della comunità, alla promozione umana e all’integrazione sociale dei cittadini attraverso la gestione di servizi socio‐ sanitari ed educativi, rivolte a bambini o gruppi di persone segnate da diverse forme di emarginazione, promuovendo azioni per prevenire l’esclusione sociale.

Dalla passione e dall’impegno in ambito educativo e pedagogico i soci della Cometa del Sud, per rispondere alle molteplici problematiche economiche e sociali, del territorio, hanno consolidato una rete di collaborazione fondata sulla solidarietà e la filantropia che ha coinvolto gli attori sociali, famiglie, parrocchie, volontari e scuole operanti sul territorio ed ha generato percorsi di prevenzione per:
  • Promuovere e costituire gruppi di solidarietà e sostegno reciproco (auto-mutuo-aiuto) che coinvolgono attivamente bambini con disagio psichico, i familiari, i volontari, gli operatori della salute mentale e tutti i soggetti a qualsiasi titolo interessati;
  • Inserire bambini con carenze affettive ed educative in asilo e scuole primarie, dove la cura e la costruzione di relazioni significative adulto- bambino, possano sostenere lo sviluppo cognitivo, corporeo e sociale.
  • Organizzare attività per anziani di socializzazione in luoghi alternativi al contesto territoriale, attraverso la realizzazione di percorsi “alla scoperta della bellezza”: visite guidate al patrimonio storico artistico della tradizione italiana;
  • Promuovere il metodo “Teen Star” nelle scuole. Lo strumento permette di vivere in modo libero e responsabile un’esperienza matura della sessualità, accompagnandoli nella scoperta del profondo desiderio di amare ed essere amati.
  • Percorsi di educazione alla genitorialità;
  • Sostenere agli adolescenti nell'aiuto allo studio, nella socializzazione e nell'orientamento alla formazione professionale;
Integrare ed accogliere persone immigrate;
  • 
Accogliere ed orientare le donne vittime di tratta e di violenza.

Il metodo educativo è “l'introduzione alla realtà” e la “scoperta della bellezza”, dimensioni che educano, a prescindere dal contesto di provenienza, rimandando ad un messaggio di dignità per la propria vita. La persona introdotta in una dimensione comunitaria e familiare, in un contesto di collaborazione costruttivo, scopre di essere fatta per la ”relazione”, facendo esperienza di non poter vivere chiusa in se stessa e nei propri problemi iniziando a percepire la realtà non più come ostile e nemica. Quando si è accolti e voluti così, la bellezza è riconosciuta come un'esigenza del cuore e ciò aiuta a guardare la vita con una positività che rimette in movimento. La riscoperta anche della propria bellezza, esprime e testimonia l'eccellenza che ciascuno ha dentro, recuperando questo significato, il bello non è più un estetismo, ma un fattore essenziale per il cammino educativo.

Gli interventi educativi di sostegno e assistenza alle famiglie, la progettazione e realizzazione di comunità di accoglienza per minori e adulti sono costruiti in collaborazione con la rete territoriale.
Nell'esecuzione dei progetti, una particolare attenzione è dedicata agli obiettivi prefissati, al monitoraggio, verifica e valutazione degli interventi.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu